Crea sito

"Le cose non sono difficili a farsi;
ciò che è difficile è di mettere noi stessi nelle condizioni adatte per farle …"

C. Brancusi

Rimonta, il biotopo ha un nuovo sentiero ricco di opere d’arte

Mel e Lentiai festeggiano la fine dei lavori ai Laghetti una delle nicchie ecologiche più importanti della Valbelluna

MEL E LENTIAI. Doppia inaugurazione ai Laghetti della Rimonta, dove ieri è stato tagliato il nastro del sentiero rinnovato dopo la riqualificazione dell'Unione Montana Val Belluna in collaborazione con i comuni di Mel e Lentiai. Contestualmente è stata presentata al pubblico Rimontarte, l’esposizione di cinque opere a tema dislocate nei luoghi più significativi del percorso. Numerosi i partecipanti all’escursione guidata a cura del Gruppo Natura di Lentiai che, insieme al Comitato frazionale di Bardies e all’artista Franco Vergerio. Le opere richiamano il biotopo che caratterizza il sito naturalistico perifluviale concentrandosi su alcuni insetti tipici ma non solo.E così tra il sentiero sterrato, le nuove passerelle in legno e i guadi del torrente Rimonta ci si imbatte in un cervo volante in ferro lavorato a freddo da Mauro Ricci, in un ragno ligneo che si arrampica in una fitta tela di corda intrecciata da Franco Vergerio, in un’enorme rana di legno di abete scolpita da Luca Lisot e nel bosco spunta anche uno gnomo che si ripara dalla pioggia sotto una grande foglia nata dalle mani esperte di Ezio Giordano.

A dare il benvenuto all’inizio dell’anello che circonda Bardies, è un'imponente pittura di Walter Bernardi dedicata all’acqua come energia e vita, a richiamo della natura dei Laghetti della Rimonta che costituivano nel passato la riserva d’acqua per le attività produttive del paese. «È un dovere preservare e dare visibilità a una nicchia ecologica così ricca e variegata», ha esordito il sindaco di Mel Stefano Cesa, «per questo un plauso va al Gruppo Natura Lentiai e al Comitato frazionale di Bardies che con i loro volontari hanno sempre garantito la manutenzione ordinaria del sentiero».

Tra le autorità il vicesindaco di Lentiai Paolo Dal Magro, il consigliere dell’Um Valbelluna Marco Crepaz e l’assessore Lillo Trinceri di Trichiana accompagnato dal primo cittadino di Sauben, presente in sinistra Piave in occasione della premiazione del premio letterario, ha donato a Cesa uno stemma della cittadina francese. «Questo progetto è nato in sinergia tra i comuni di Mel e Lentiai e dimostra come la collaborazione porti ottimi risultati», ha spiegato Dal Magro, ripreso poi da Trinceri che ha caldeggiato più ampie cooperazioni tra tutte le realtà della Sinistra Piave. Dopo il taglio del nastro la cerimonia si è conclusa con un rinfresco in “Calchera”, sulle note della Filarmonica di Lentiai.

Rimontare 2015